Home   Azienda   Arredo urbano   Dove   Contatti

 
 
LA ZINCATURA A CALDO

Lo zinco è meno elettronegativo (cioè meno nobile) dell'acciaio, quindi, in caso di rotture o porosità del film protettivo, esso stesso diventa l'anodo sacrificale nella corrosione elettrolitica e si consuma se c'è chiusura delle linee di campo.

Il processo di zincatura può avvenire secondo queste metodologie:

  • zincatura a caldo;
  • zincatura a caldo continua.
  • zincatura elettrolitica;
  • zincatura a freddo;
  • zincatura a spruzzo.

Va fatta attenzione al fatto che gli impianti che effettuano i trattamenti a caldo sono detti zincherie mentre quelli galvanici sono detti zincature. L'immissione in piccole e precise dosi di nichel od ancor meglio di alluminio nella vasca di zincatura, determina un abbassamento considerevole dell'applicato sull'acciaio trattato (salvo poi garantire comunque gli assorbimenti minimi disciplinati dalla normativa del settore). L'aggiunta di alluminio permette anche di migliorare la resistenza alla corrosione del rivestimento zincato e le sue qualità funzionali ed estetiche. La sostituzione del piombo presente nel bagno di zincatura con il bismuto (basso - fondente) ci preserva da un inquinamento precoce del pianeta, preservando le qualità protettive della zincatura e la nostra salute.

Con zincatura a caldo si intende generalmente l'immersione di manufatti in ferro in un bagno di zinco fuso tenuto mediamente alla temperatura di 450 °C il che determina la ricopertura dell'acciaio con un sottile e resistente strato di zinco. Grazie al pretrattamento in un bagno di sali fusi di zinco cloruro e ammonio cloruro, l'acciaio si lega allo zinco conferendo una resistenza alla corrosione di molto superiore alla zincatura elettrolitica, cosa dovuta anche alla maggiore resistenza meccanica dello strato protettivo[2]. Il processo può essere suddiviso nelle seguenti fasi, separate una dall'altra:

I rivestimenti che si ottengono per zincatura a caldo sono costituiti da più strati di leghe di zinco e ferro, fondamentalmente 3 che vengono chiamati "gamma", "delta" e "zeta" ed uno strato esterno di zinco praticamente puro (strato "eta") che conferisce al rivestimento il caratteristico aspetto metallico brillante. Data la natura del processo si ottiene un rivestimento di un'eccezionale continuità che va a proteggere gli articoli di acciaio in tutta la loro integrità, ricoprendo tanto le superfici esterne che quelle interne: tale risultato è in molti casi improponibile per altri metodi di protezione (es. verniciatura).

I rivestimenti galvanici hanno la caratteristica unica di essere legati metallurgicamente all'acciaio sottostante e questo conferisce loro una straordinaria aderenza. D'altra parte, il fatto che tali rivestimenti siano costituiti da più strati di leghe zinco-ferro, che raggiungono anche durezze più elevate di quella dell'acciaio, e da uno strato esterno di zinco piuttosto duttile fa sì che tali rivestimenti risultino molto resistenti agli urti ed all'abrasione.

I rivestimenti galvanici offrono una tripla protezione all'acciaio sottostante:

  • Protezione per effetto barriera. Il rivestimento isola l'acciaio dall'ambiente corrosivo esterno.

  • Protezione catodica o di sacrificio. Lo zinco viene a costituire la parte anodica nella pila di corrosione e si corrode lentamente proteggendo così l'acciaio: finché vi sarà zinco in superficie l'acciaio non subirà corrosione alcuna.
  • Sigillatura delle zone scoperte. I prodotti di corrosione dello zinco, che sono insolubili, compatti ed aderenti, vanno a sigillare le zone dell'acciaio che, per una qualsiasi ragione (urti, graffi ecc.), vanno a trovarsi accidentalmenmte a contatto con l'ambiente esterno. Ciò offre un'ulteriore protezione al substrato.

La durata della protezione che offrono i rivestimenti galvanici  di fronte alla corrosione atmosferica è molto elevata e dipende, oltre che ovviamente dallo spessore del rivestimento, dalle condizioni climatologiche del luogo e dalla presenza più o meno spinta di agenti aggressivi nell'atmosfera, come ossido di azoto (che si origina per attività urbane ed industriali) e cloruri (normalmente presenti nelle zone costiere)

I principali vantaggi dei rivestimenti galvanizzati a caldo possono essere riassunti come segue:

  • Durata eccezionale.
  • Resistenza meccanica elevata.
  • Protezione integrale dei pezzi (interno ed esterno).
  • Tripla protezione: barriera fisica, protezione elettrochimica e sigillatura delle aree scoperte.
  • Assenza di manutenzione o comunque interventi molto rari.

 


 

Arte Ferro Battuto snc - Arredo Urbano - Via Valsugana, 22/a - 31033 Castelfranco Veneto (TV) - T. e F. 0423 492749 - info@arredourbanorizzobeg.it

INFORMATIVA COOKIES